economia x noi

Glossario : le parole dell'economia


Home Page


logo

Vai alla successiva

BCE
Banca Centrale Europea

FED - Federal Reserve:
banca centrale degli Stati Uniti d'America

FMI
Fondo Monetario Internazionale

ABI
Associazione Bancaria Italiana
Banche d'investimento:
o "banche d'affari", fanno principalmente attività di compra-vendita di titoli (azioni, obbligazioni, ecc.) ed attività relative a fusioni aziendali, acquisizioni e ristrutturazioni.

Banche commerciali:
raccolgono i depositi dei risparmiatori e concedono prestiti (per attività produttive, mutui, ecc.).
Glass Steagall Act:
legge americana che impediva la compra-vendita di azioni e obbligazioni alla banche commerciali.

Dodd-Frank:
"Wall Street Reform and Consumer Protection Act", comunemente detta Dodd-Frank dai senatori che l'hanno proposta, o Volker Rule, perché riprende la proposta  di P. Volcker (ex presidente della Federal Reserve).  Legge USA che mira a  ripristinare la separazione tra banche commerciali e d'investimento già stabilita dal Glass Steagall Act.

NYSE - la borsa di New York:

La borsa valori (Stock Exchange di New York - NYSE), è la più grande borsa valori del mondo per volume di scambi. La capitalizzazione dell'insieme delle società quotate al New York Stock Exchange è di 21 000 miliardi di dollari, di cui oltre 7 000 miliardi di aziende non americane.
Le contrattazioni avvengono al numero 11 di Wall Street.
Gli operatori sono raggruppati in tre categorie:
"brokers" (intermediari), "dealers" (autonomi) e "specialist" (specializzati).
Cartolarizzazione:
vendita di crediti o di beni, attraverso l'emissione di obbligazioni.

Hedge funds:
fondi d'investimento speculativi non accessibili ai piccoli risparmiatori.

Fondi sovrani:
fondi d'investimento controllati direttamente dai governi.

SIV società veicolo:
società costituite dalle banche, ma con bilancio separato, che emettono obbligazioni a fronte dei crediti relativi ai mutui
Subprime:
mutui a basse garanzie perché sottoscritti da persone con reddito basso, inadeguato.

Derivati:
contratti o titoli il cui prezzo è basato sul valore di mercato di uno o più beni (ad esempio, azioni).

CDS Credit Default Swap:
contratto d'assicurazione che prevede il pagamento di un importo se fallisce una determinata azienda.

MBS Mortgage-Backed Securities:
cartolarizzazioni in cui i crediti dei mutui vengono ceduti a una società veicolo che emette obbligazioni.

CDO Collateralized Debt Obligations:
specifica categoria di ABS; sono titoli a reddito fisso che derivano dall'aggregazione di più crediti.

ABS
Asset Backed Securities:

titoli obbligazionari collocati con cartolarizzazioni: interessi e rimborso del capitale sono garantito da attività finanziarie (asset).

Agenzie di rating:

società che emettono valutazioni (da AAA alla C) sulla capacità di un debitore di pagare.
Euro - Unione economica e monetaria:
Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Grecia (dal 2001), Slovenia (2007), Cipro e Malta (2008), Slovacchia (2009), Estonia (2011).
Unione Europea:
Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna; dal 1995 Austria Finlandia e Svezia; dal 2004 Malta, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Cipro; dal 2007 Bulgaria e Romania.
Paesi europei non Ue:
Albania, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Islanda, Kosovo, Macedonia (Ex repubblica iugoslava di), Moldavia, Montenegro, Norvegia, Russia, Serbia, Svizzera, Turchia, Ucraina.

PIL (Prodotto Interno Lordo)

il principale indicatore dell'economia di un paese, misura il valore (a prezzi di mercato) di tutto ciò che viene prodotto (merci e servizi) nella nazione.
PIL pro capite
Media statistica della ricchezza deglia bitanti di un paese; si ottiene dividendo il PIL di una nazione per il numero dei suoi abitanti
Debito pubblico
Il debito pubblico o debito sovrano è il debito che gli stati, tramite l'emissione di obbligazioni o titoli di stato, hanno contratto negli anni con sottoscrittori (individui, imprese e banche, nazionali ed esteri) allo scopo di finanziare le proprie attività.
Deficit
Il deficit (o disavanzo pubblico) è la parte della spesa pubblica non coperta dalle entrate, quando in un anno lo stato spende più di quanto incassa.
Default
Default (in italiano, "insolvenza") è la situazione in cui un debitore non è in grado di rispettare i tempi e gli importi stabiliti per la restituzione del finanziamento ricevuto.
Futures
I futures sono contratti standard, in cui chi li acquista si impegna ad acquistare, alla scadenza ed al prezzo prefissati, un bene (detto "attività sottostante"), che può essere una merce ("commodity") o una valuta ("currency futures") o un indice borsistico ("financial futures").
Contratti a termine
In borsa, i contratti a termine hanno per oggetto la compravendita di titoli o di merci ad una data futura, ad un prezzo prefissato. In questo modo, l'acquirente e il venditore, si tutelano dal rischio delle eventuali variazioni dei prezzi a distanza di tempo. 
Contratti Opzione
Un contratto che conferisce il diritto - ma non l'obbligo - di acquistare o vendere un bene (chiamato "strumento sottostante") ad un determinato prezzo ("strike price") entro una determinata data, in aggiunta ad un costo iniziale, comunque dovuto e non recuperabile, per la sottoscrizione del contratto d'opzione stesso.