Bilancia commerciale
economia x noi

Bilancia commerciale

cibus.dog

.

Home Page



Vai alla successiva

logo

La bilancia commerciale

La “bilancia commerciale” è il rapporto tra le merci che uno stato importa dall’estero e quelle che esporta.
La bilancia commerciale di un Paese è in attivo quando il valore delle esportazioni supera quello delle importazioni, con conseguente ingresso di capitali nello stato, oppure è in passivo, quando il valore delle importazioni supera il valore delle esportazioni, con conseguente uscita di capitali.
La bilancia commerciale è importante perché se uno stato esporta molto ed importa poco, è uno stato ricco e può pagare i suoi debiti.
L'attività o la passività della bilancia commerciale di un paese è un indicatore fondamentale della sua solidità e della sua ricchezza economica: un forte deficit della bilancia commerciale è una situazione che alla lunga costituisce un elemento di debolezza.

La tabella in basso mostra la bilancia commerciale di alcune nazioni negli ultimi anni.
Tra quelle europee, qui considerate, solo la Germania e l'Irlanda hanno esportato sempre più di quanto abbiano importato, al contrario Grecia, Spagna, Francia e specialmente il Regno Unito hanno sempre importato più che esportato, mentre l'Italia ha una bilancia commerciale attiva dal 2012.
Da notare la forte negatività della bilancia commerciale americana e la crescita di quella cinese.
in miliardi di euro (dati eurostat international trade)
2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017
 Germania 177 138 153 157 191 198 216 248 251 248
 Irlanda 28 38 40 39 37 32 29 41 44 43
 Francia -68 -56 -65 -88 -82 -76 -73 -60 -63 -69
 ITALIA -13 -5 -29 -25 9 29 41 41 49 47
 Grecia -44 -35 -30 -24 -21 -19 -21 -17 -18 -21
 Spagna -94 -47 -54 -50 -32 -17 -25 -26 -19 -26
 Inghilterra -126 -117 -131 -123 -173 -89 -139 -149 -204 -179
 USA -588 -390 -520 -561 -614 -563 -595 -731 -719
 Cina 202 140 138 111 179 195 288 535 460

Import/Export

Nella tabella successiva sono riportate separatamente i valori delle importazioni e delle esportazioni dell'Italia e si può notare che nel 2009 crollano entrambe, per effetto della crisi, poi nel 2010 e 2011 risalgono le importazioni, raggiunte dalle esportazioni solo nel 2012 e quindi superate negli anni successivi, riportando in attivo la bilancia commerciale.
ITALIA: import/export in percentuale del PIL (dati eurostat)
- 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017
Export 27 22,5 25,2 27 28,6 28,9 29,3 29,9 29,8 31,3
Import 27,8 23,1 27,2 28,6 27,6 26,6 26,5 27 26,5 28,2

Nella tabella qui sopra sono considerati tutti i prodotti, ma la bilancia commerciale dei paesi è in gran parte condizionata dall'importazione del petrolio, principale fonte di energia, il cui costo è molto cambiato nel corso di questi anni, come riportato nella tabella seguente.
Quotazioni petrolio greggio Europe Spot Brent Price (dollari/barile)
2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017
97 61 79 111 112 109 99 52 44 54

FONTI

logo
Eurostat - EU27 Trade Since 1988 By CN8
http://it.wikipedia.org/wiki/Bilancia_commerciale
http://www.borsainside.com/finanzainside/bilancia-commerciale.shtm
Eurostat: Intra and Extra-EU trade by Member State and by product
Eurostat: Export and Imports of goods and services in % of GDP
https://www.clal.it/mini_index.php?section=petrolio


ultimo aggiornamento: agosto 2018